Giacomo litiga con Elga

L’accusa di essere una bugiarda, lei non ci sta e replica da par suo…

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle
Tags , , ,

152 Commenti per Giacomo litiga con Elga

  1. ValeV. scrive:

    X MARG
    E che c’entra la terza persona? “Non c’è null’altro che egli può aggiungere”? Penso sia più corretto (nel caso specifico) dire “non è necessario che si aggiunga altro” (qualcuno, la gente…indefinito) quindi: “nothing more need be said”. Comunque ti comunico che non ho alcuna intenzione di tartassarti (“almost nothing need be said when you have eyes”, parafrasando un famoso romanzo) anzi, se non erro, sei stata tu a muovermi l’appunto. Sei forse campionessa mondiale di comportamento evitante?

    • ValeV. scrive:

      P.S. Adesso non venirmi a raccontare che nella frase in italiano ho utilizzato il congiuntivo (a titolo puramente esemplificativo) e che quindi l’equivalente in inglese doveva essere diversa. Sarebbe oltremodo pleonastico!

  2. ValeV. scrive:

    X IL BELLO DELLA RETE
    Vedi qual è il problema? Il problema è che tu pensi di colmare le tue lacune cercando su Google le cose che non sai. La cosa potrebbe anche andare se si sapesse cosa cercare ma, evidentemente, questo non è il tuo caso. Ti aiuto, dunque: la soluzione dell’enigma è il verbo “fari”. Partendo da questo, con una buona dose di etimologia (l’Accademia della Crusca sicuramente ne parla), non dovresti far fatica a ricostruire il mio (inteso personale, come denotano abbastanza chiaramente le virgolette) mezzo acronimo (si parlava di acido nel parlare, no?). Ti è andata male, direi!

  3. ValeV. scrive:

    X PEPPA&GEORGE

    Ti vedi costretta a rispondere ma non lo fai visto che continui a ripetere la stessa cosa guardandoti bene dall’argomentare. Qual è lo scopo dei tuoi post? Deve essere qualcosa di veramente importante visto che intervieni esclusivamente per parlare di me! Nell’attesa di vederti “partorire” qualcosa che non sia un proverbio ti do un consiglio: desisti dal perpetuare questa sorta di “vedo/non vedo” da post perché stai scivolando nel grottesco (un po’ come ippo filippo che fa lo spogliarello durante un addio al nubilato)!

    • Federico scrive:

      Vale V : don’t break more the ball , please ! that’s right ?

      • giopi scrive:

        ecco…questo non è molto signorile….e anche un pò scurrile.
        (non mastico inglese….ma ho molto orecchio…) Ciao Fè!

      • ValeV. scrive:

        Attento! Guarda che così esci dal personaggio! Tu sei quello delle dichiarazioni d’amore in pdf, l’antitesi di qualunque cosa possa essere definita interessante, una figura retorica fatta “persona”! La tua propensione al dibattito è direttamente proporzionale alla grazia di un elefante ergo ti consiglio di ritornare il più in fretta possibile alla prima versione. Ne va addirittura della tua credibilità (need I say more? what else can I say? what else can be said? nothing more need be said!).

        • Federico scrive:

          Secondo me, uscirai tu dal personaggio ! Comunque, io scrivo le frasi d’amore solamente alle donne che meritano

  4. Marg scrive:

    From all your comments on this blog (at all hours), I think the only person who spends the whole day on the web is you! Thank God I still have a job (a real fortune these days!) so I can only comment when I have a little spare time, like now!
    P.S. Nel caso che ti riferissi a me relativamente alle “panzane sul web”, ti ho scritto in inglese…d’altronde tu non avrai difficoltà a tradurrlo, vero?

    • Marg scrive:

      Dimenticavo, il mio ultimo commento è per ValeV.

      • ValeV. scrive:

        quale commento? Per favore, risparmiami la caccia al tesoro!

        • giopi scrive:

          quello di sopraaaaaaa!!!!
          ps: se posso….La lingua italiana è così ricca e armoniosa….Vi dispiace tenere presente che oltretutto siamo in Italia e che TUTTI avrebbero piacere di leggere?????? DENGHIU!)

          • Marg scrive:

            Hai ragione, scusami…..non lo farò più…..volevo solo rispondere alla professoressa ValeV. !!

    • ValeV. scrive:

      (Ti rispondo in italiano visto che dany si è travestita da Catone censurando la mia risposta in inglese).
      La tua è coda di paglia? La mia voleva essere una rassicurazione e non un attacco ergo tutte queste giustificazioni mi sembrano alquanto inutili. Se dici il vero (lingua compresa) da me non hai nulla da temere!

      P.S Sei inglese di nascita? Di che città?

      • Marg scrive:

        Nessuna coda di paglia………..sono nata in Italia, ma cresciuta in Canada dall’età di 1 anno, quindi, per oltre 30 anni. A proposito, si dice “nothing more needs to be said”. :)

        • ValeV. scrive:

          Stai scherzando? in questo caso il “to” è decisamente pleonastico è molto poco “poetico”. E poi perché “needs”?

          • Marg scrive:

            Non mi vergogno di dire che ho dovuto cercare il significato di pleonastico, ma posso, comunque, dire che ambedue i modi sono corretti…….quello tuo più poetico e datato, il mio più attuale nel linguaggio di tutti i giorni…..spero che questo argomento finisca qui e che non mi tartasserai allo sfinimento…….tanto ho deciso di non risponderti più!! (“Needs” perché terza persona singolare: he, she, it…..come nel caso di “nothing”).

  5. maria62 scrive:

    x vale v…(copia incolla) per ribadire …
    ah ridaje……ma soltanto di personaggi inglesi sai discutere? beh devo dire che spazi in molteplici creature; W la cultura a grande raggio….^_^ cmq mi hai fatto sorridere…;)

    Rispondi

  6. alessandra74 scrive:

    No no e no……. Anke oggi…..trono over………ma il “vecchio uomini e donne”,quello che ci ha dato tante emozioni (costantino e alessandra,salvatore e paola e tanti altri) tornera’ mai?una puntata alla settimana del trono classico non basta.Perche’ la redazione non ascolta le nostre richieste?
    BASTA TRONO OVER……

  7. ValeV. scrive:

    X GIOPI
    Di dispiacerebbe ricordarmi qual è il punto di vista a cui ti riferisci (quello che dovrei capire, per intenderci?

    • giopi scrive:

      o santa mater! Mi par la “malintesa”….. (e con te bisogna pesar le parole..sennò mica se ne esce!)
      Ordunque: non è (anche per me) signorile avere determinati atteggiamenti….o dire determinate frasi.
      (anche se qualche volta, e non per abitudine, se un vaso trabocca, è anche consentito perdere le staffe) Il significato di scurrile, che in alcuni post avevo letto essere attribuito alla frase “colorita” di Elga, mi ha fatto puntualizzare (una volta anche a me è concesso?) la differenza fra “scurrile” e appunto semmai “poco signorile”. Spero essere stata chiara…per come posso…Madame! ;)))

      • maria62 scrive:

        che dè la malintesa?una lirica che non conosco????? ;)))))

      • ValeV. scrive:

        quindi secondo te finezza e volgarità non sono antitetici? Interessante!

        • giopi scrive:

          aridaje! Ok…la sintesi, ma non mettermi in bocca ciò che non ho detto. Ma sai che penso? Che il “quibus” sta nel fatto che io non vedo solo il bianco o il nero. Per me esistono infinità di gradazioni di grigio…. (scurrile=volgare, triviale)
          E mò basta (ma sicuramente aggiungerai del tuo…) ;))

  8. ValeV. scrive:

    MA SOPRATTUTTO COSA INTENDI PER CULTURA?

    Quella che fai è allegoria ad ampio raggio. Oppure ti riferivi alla gittata del laser? Per quanto mi riguarda non sono assolutamente colta né mi ritengo tale (mi pare di aver raccontato che mia madre mi accusa sovente di essere ignorante come una capra). Quindi, se la tua era una constatazione sei fuori strada mentre, se trattavasi di una “pia fraus” (per dirla con una enallage, tu se non sbaglio insegni lettere quindi mi capirai) sappi che “non attacca”!

    • maria62 scrive:

      che stAI DICENDO WILLIS??

      • maria62 scrive:

        ops…….ti ho risposto!!!!!! cassolina mi ero scordata che avevo fatto una promessa….mai rispondere agli estranei…….(mia mamma me lo dice sempre)…..ora riceverò una bella minestrina!

      • ValeV. scrive:

        Mi spiego meglio: se realmente pensi che io sia dotata di chissà quali conoscenze stai sbagliando. Se, invece, il tuo era un tentativo di menzogna (consapevole) per compiacere l’interlocutore sappi che “non attacca”!
        Per quanto riguarda la traduzione, nessuno ha parlato di errori. Ho solo sottolineato il suo essere estremamente scolastica. Se la stessa mi fosse stata proposta da una persona abituata a comunicare in inglese (come doveva essere bello, onesto, emigrato Australia), l’avrei valutata in maniera assolutamente negativa! Alla fine la prova era proprio questa visto che, del resto, ad usare un dizionario sono capaci tutti!

        • Marg scrive:

          A proposito di “scolastico”, perché devi titolare i tuoi commenti come se stessi per scrivere un tema? A proposito, prima che mi “sgridi” per qualche errore che potrei fare con il mio italiano, ti spiego subito che sono di madrelingua inglese e l’italiano l’ho imparato vivendo già da tanti anni in Italia!! Va bene maestra??

          • ValeV. scrive:

            Se leggessi il blog con più attenzione scopriresti che in questo senso da me non hai nulla da temere visto che non è mia abitudine lanciarmi in correzioni gratuite. Anzi, pensa un po’, detesto chi lo fa (e chi passa la giornata a raccontare panzane sul web)! Per quanto riguarda il titolo, diciamo che trattasi di un tratto distintivo oppure, se preferisci, una questione di “signature”!

            P.S. maestra non va bene visto che nella vita non mi occupo di scuola e scolastico.

        • maria62 scrive:

          no no no…….non ribadivo concetti sulla traduzione (avevo già mentalmente cancellato il tutto) parlavo della battuta e della cutura ad ampio raggio che diimostri di avere , tutto quì…..;)))))) attendi sempre birretta ;))))

  9. rust never sleeps scrive:

    Io trovo che sia molto più piacevole leggervi che scriverci su questo blog!
    Siete simpaticissimi, grazie bloggers!
    A me , ora come ora, piacciono sia le puntate col trono tradizionale che gli Over, e pensare che all’inizio non le sopportavo ( le puntate con gli over)!
    A volte , mentre mi godo il programma, resto infastidita dalle cattiverie che sento verso alcuni personaggi!
    Gli opinionisti e molti partecipanti ,peccano spesso di perfidia, accanimento e paraocchismo e pressapochismo!
    La conduttrice, bravissima, ogni tanto difende gli indifendibili!
    Ora chiudo, ho scritto troppo, ciao, a tra qualche mese :*
    P.S. Leggere vi leggo tutti i giorni, R.

  10. ValeV. scrive:

    BLOG DOL (denominazione di origine leggera):

    Consigliato dalla rivista “Frivolity Fair” risponde a domande quali “quanto pesa una piuma”? oppure “chi ha incastrato roger rabbit” (il film non c’entra niente, troppo pesante)”?. I partecipanti dal timbro “chiaro” beneficiano di un bonus di 10 post (non più di un kilobyte di “peso” complessivo). Vietato l’accesso agli obesi.

    • peppa&george scrive:

      Ciao ValeV, mi sa che se continui di questo passo, ti ritroverai a fare le domande e a darti le risposte.
      Prendi in seria considerazione l’ idea di due sali nelle pozzanghere con noi.
      Visto che abbiamo già chiarito le nostre posizioni, passo e chiudo.

      • ValeV. scrive:

        Tu dici? Semmai è vero il contrario visto che continuo ad attirare nick come il tuo che intervengono solo per interagire con me! Del resto, quanti post hai scritto per scambiare opinioni inerenti alla trasmissione con gli altri utenti del blog? In considerazione di questo, salvo che tu ti riferisca ai “botta e risposta” tra peppa e george, sei il nick meno adatto per parlare di interazione sociale!

        • peppa&george scrive:

          Cara ValeV. vedo che a te piace solo scrivere e non leggere, perché, se avessi letto cosa ti avevo scritto negli altri post , ti saresti risparmiata questa risposta.
          E come dice il detto ” non c’è peggio sordo, di chi non vuol sentire”.!

          • ValeV. scrive:

            Vedi, è proprio questo il problema, tu scrivi soltanto a me e parli soltanto di me. A questo punto le ipotesi sono due: o tu scrivi abitualmente sul blog e utilizzi un nick ad hoc per interagire con me (e quindi avrebbe senso il “noi” a cui fai riferimento quando parli delle pozzanghere) oppure dici il vero quando affermi che questo è l’unico nick con cui scrivi. In quest’ultimo caso, saresti la “prova provata” che quello che affermi è falso visto che il mio nick ispira i tuoi interventi molto di più delle vicende della trasmissione! In ogni caso, “si stava meglio quando si stava peggio” (che c’entra? Nulla, però è un detto!)

          • peppa&george scrive:

            per ValeV. (scrivo qui visto che ti è stato tolto il rispondi )
            Se le mie risposte ti fanno sentire al centro dell’ attenzione, mi dispiace, perché non è questo in mio intento. Poiché non è mia abitudine lanciare il sasso e ritirare la mano, mi vedo costretta a rispondere.
            Il detto ” non c’è peggior sordo, di chi non vuol sentire”. penso ti calzi a pennello.
            Mi dispiace constatare che parlare con te sia solo una perdita di tempo e poiché ” il tempo è denaro ” preferisco spenderlo diversamente.

  11. ValeV. scrive:

    X GIOPI
    e perché mai?

  12. pibe scrive:

    MARIA invece di mettere 2 sedute 3 sedute 4 sedute……metti una bella seduta psikiatrica e apri uno spizio accogliendoli tutti…..ma lascia uomini e donne ai giovani come sempre hanno veramente stancato BASTAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

  13. pibe scrive:

    MARIA mi kiedo ti rendi conto ke stai diventando pesante anke tu x colpa di sto programma over? BASTAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

  14. pibe scrive:

    basta settimane intere x gli over…….è stressante non è piu un programma valido…..date spazio ai giovani ormai sembra un luogo di ritrovo x anziani….non ci sono ne storie ne altro solo sfilate ridicole……BASTAAAAAAAA

  15. ValeV. scrive:

    IL BELLO DELLA RETE

    Il bello della rete è che permette a chiunque ne abbia voglia di celare la propria identità dietro alle maschere che preferisce. Il bello della rete è che permette di vincere le proprie paure: del resto è facile trovare (tra i tanti) claustrofobici che di professione fanno i commessi viaggiatori, i pluriripetenti al liceo che si laureano ad Harvard e lottatori di sumo perennemente a dieta. Il bello della rete è che c’è sempre a disposizione un immenso drive-in theater che trasmette 24/7 lo stesso film (“Zelig”, ovviamente). Il bello della rete è che tutti hanno una seconda occasione, poi una terza e una quarta. Il brutto della rete è che, alla lunga, qualcuno (impersonale) finisce per dimenticarsi quello che in realtà è, autoconvincendosi di vivere in un mondo parallelo fatto a sua immagine e somiglianza.

    • ValeV. scrive:

      Il brutto della rete è che, parafrasando Mel Brooks, spesso la realtà di certe persone è più comica della finzione che si cerca di propinare!

      • Marg scrive:

        Senti, ValeV, questo è un blog su un programma “leggero”…..un modo per fare dei commenti “leggeri”, per farci una piccola risata……..questi tuoi ragionamenti filosofici da prima della classe sono PESANTI! Cosa ci fa una con il tuo spessore intelletuale su questo blog???!!!

    • Bellonline scrive:

      Visto che mi hai chiamato il causa (sarei il il bello della rete, se non Bellonline chi potrebbe esserlo?), una domanda:
      Ma non è che sei la cugina di Elga?
      Mi dispiace per quanto hai sofferto nella vita … già averla come cugina! Ahahahahahaha!!! ;)))))

      • ValeV. scrive:

        Che c’entra Elga? Forse è laureata ad Harvard?

        • Bellonline scrive:

          Senta Lei, laureata ad Harvard: se non sei la cugina … allora avete lo stesso fornitore di “aciduria”, inteso come sostanza che produce un alto tasso di acido nel parlare! Aahahahaha !
          (sottoscrivo in pieno quanto ti ha già detto Marg)

          • ValeV. scrive:

            “Acidufari”. Decisamente meglio “acidufari”!

          • Bellonline scrive:

            E brava ValeV ora si permette anche il lusso si usare termini inventati, costruiti ad hoc: se cercassi “Acidufari” con io-so’-tutto-goolge ti renderesti conto che l’unica ad usarlo sulla rete sei solo te (infatti porta solo a questo post).
            Peccato che non conosco l’indirizzo dell’Accademia della Crusca altrimenti ti segnalerei volentieri … in compenso conosco un sacco di posti che andresti benissimo uguale! Ahahahahaa!

  16. Fr@ncesca scrive:

    Red. che fai censuri ?!? Tanto Elga resta sempre “una gran signora” che TIRA TESTATE !!!!!

    • maria62 scrive:

      ahahahhaah……..ehi @…. e fosse un modo di dire ? C’è chi dice peggio……..lei la si conosce come una bella peperina…. ma prima o poi uscirà di peggio da chi non “sembra”…..:)

      • ele scrive:

        quella della testata me la sono persa, non avevo sentito! aaahahhaahaha!! beh non è certo il massimo della finesse questa espressione, ma quando una persona è anche un pò sanguigna ci scappa! e poi, come dice qualcuno, quando ce vo’ ce vo’!!

        • giopi scrive:

          può succedere a tutti di perdere l’aplomb… Essere scurrili è ben altro! (era ciò che intendevo sottolineare a ValeV….che SICURAMENTE conoscerà il significato della parola…) ;))))))))))))))))

          • ValeV. scrive:

            Ti rispondo con un “mezzo” sillogismo: una persona dai modi signorili non si esprime in modo volgare. Chi è solito esprimersi con frasi tipo “ti tiro una testata” è decisamente volgare e, quindi, mi risulta difficile definirlo signorile!

          • giopi scrive:

            ok madame…capito il concetto. Ma Lei capì il mio? O il fino ultimo degli sporadici scambi è unicamente volto all’affermazione della propria ragione? Se così fosse….mi arrendo! Non amo aver sempre ragione…..(in casa mia vale un detto….mi attengo a quello) ^___^

          • giopi scrive:

            errata corrige: “fine ultimo” non “fino”.
            Avesse a pigliarmi una testata! ;))))))))))

        • Fr@ncesca scrive:

          Si può essere sanguigne quanto vuoi ma una signora come si è sempre presenta e definita lei non avrebbe nel suo vocabolario frasi come questa….evidentemente non è tanto signora ;)

          SEMPRE W IL TRONO CLASSICO

  17. tiffany.26 scrive:

    Ma anche oggi il trono over????? oddiooooo bastaaaaaaa

  18. UNA GIOVANE scrive:

    CHE BELLO ANCHE OGGI TRONO OVER GRANDIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII GRAZIEE MILLE REDAZIONE

    • ValeV. scrive:

      Hai letto Derren Brown?

      • maria62 scrive:

        ah ridaje……ma soltanto di personaggi inglesi sai discutere? beh devo dire che spazi in molteplici creature; W la cultura a grande raggio….^_^ cmq mi hai fatto sorridere…;)

        • ValeV. scrive:

          Associare Derren Brown ad un qualcosa che possa seppur astrattamente definirsi colto è alquanto bizzarro. Si tratta di una perdita di tempo, te lo sconsiglio!

          • maria62 scrive:

            parlavo di cultura in generale……..i pò spaziare dall’archeologia alla storia, alla geografia alle lingue…..sempre di cultura si parla….se vuoi si parliamo di matematica….(ti garba?)…..ma non è contesto direi! In merito alla traduzione in angloamricano mi è stato rifrito che è correttissima……(nn avevo dubbi in merito) la ricerca della perfezione è di pochi…..ciao perfettina ;)))))

        • maria62 scrive:

          no, forse non hai compreso : parlavo di cultura non di derren come colto, forse non mi son capita io???? ahahahaha :)

          • ValeV. scrive:

            Avevo capito e, anzi, ribadisco: definire quella in questione una lettura “colta” è decisamente bizzarro!

    • Francesca scrive:

      Tranquila non c’è da emozionarsi, ormai c’è solo questo. Niente paura.

  19. Susanna scrive:

    certo si vede che la presunta raffinatezza di Elga è tutta scena: TI DO UNA TESTATA è veramente una frase degna di uno scaricatore delle casse del pesce, Con tutto il rispetto per gli scaricatori

    • rust never sleeps scrive:

      Ciao Susanna, effettivamente ne sono rimasta colpita anche io ( metaforicamente parlando) :-)

    • carlotta30 scrive:

      …è facile decontestualizzare un’espressione scurrile da una determinata situazione e affermare che la persona in oggetto manca di signorilità…. sono altri i presupposti per poterlo sostenere

      • ValeV. scrive:

        Una persona signorile (o almeno universalmente riconosciuta come tale) non utilizza espressioni scurrili. Non lo fa in nessuna circostanza semplicemente perché tali espressioni non possono appartenere al suo vocabolario. In altri termini se una persona è signorile, lo è anche (e, aggiungerei, soprattutto) quando si arrabbia. Concludendo, penso che sia proprio nei momenti concitati che si vede la classe e lo stile di una persona!

        • giopi scrive:

          ora…dire che “ti do una testata” è un’espressione “scurrile”, mi pare esagerato.
          Di certo Elga ha perso le staffe….Che non è un docile agnellino, ce ne eravamo già accorti. ;)

          Buongiorno a tutti

    • Federico scrive:

      Anch’io la penso come a te carissima principessa

  20. carlotta30 scrive:

    In un mondo effimero dove l’apparire conta più dell’ essere, una donna pensante come Elga è difficile da comprendere… E’ vero che alcune volte può risultare pesante con i suoi interventi, ma solo ed unicamente perché i suoi interlocutori sono semplicemente dei “piccoli uomini” … è già difficile essere donna se poi oltre ad essere bella si ha consapevolezza culturale interagire con gli “uomini” che sono in studio è compito arduo.

    • ValeV. scrive:

      Quindi sarebbe opportuno lasciare lo studio, non trovi? Ovviamente il tutto presuppone che la persona in oggetto non sia, secondo il tuo punto di vista, “effimera”. In caso contrario, la “comprensibile difficoltà di comprensione” (perdonami il gioco di parole) non avrebbe ragione di esistere visto che, anche nel caso di Elga, saremmo di fronte ad un’apparenza che conta più dell’essere (dicono gli inglesi: “when in Rome, do as the romans do”)!